Home page » Notizie » News » Per piantare un albero ci vuole un bimbo parte una nuova campagna di comunicazione ed educazione ambientale rivolta alle neo mamme




Per piantare un albero ci vuole un bimbo parte una nuova campagna di comunicazione ed educazione ambientale rivolta alle neo mamme

News | 1 dicembre 2016

mamma-laura-papa-massimo-e-il-piccolo-zeno´Per piantare un albero ci vuole un bimbo´ questo lo slogan della nuova campagna di educazione ambientale lanciata dal Parco naturale regionale di Porto Conte per il tramite del suo centro di educazione ambientale. Il messaggio è rivolto a tutte le neo mamme che se vorranno potranno piantumare un albero in aree degradate destinate alla rinaturalizzazione o in aree dove è necessario reintrodurre le specie autoctone al posto di quelle invasive. Nel progetto azioni anche nelle aree degradate di Mugoni. La prima mamma a battezzare l´iniziativa è Laura Mannoni che oggi (giovedì 1 dicembre) ha piantumato un giovane leccio a Tramariglio. Leccio che prenderà il nome di ´Zeno´(nome del bimbo) e che verrà accudito non solo dal Parco ma soprattutto dalla mamma e il suo bambino in tutte le fasi della crescita.

Sono diverse le aree all´interno del Parco naturale regionale di Porto Conte che necessitano di interventi di rinaturalizzazione, bonifica e riconversione delle copertura vegetali attualmente caratterizzate da specie introdotte e quindi non endemiche dei luoghi. Per fare ciò il Parco per il tramite del suo centro di educazione ambientale lancia una campagna mirata con forte connotazione educativa e di fidelizzazione delle giovani generazioni nei confronti dell´area protetta. ´Per piantare un albero ci vuole un bimbo´ questo lo slogan, sulla scia della canzone di Sergio Endrigo pensato dagli educatori del Parco per promuovere e stimolare le neo mamme del territorio non solo algheresi a piantumare un albero o un´altra essenza arborea o erbacea indicata dal Parco in occasione della nascita del proprio figlio. Una iniziativa che però non si esaurisce con il mero evento della messa a dimora del giovane albero ma prevede la cura periodica dello stesso in collaborazione con gli educatori e il personale addetto del Parco. Una fidelizzazione insomma del Parco che in questo modo coinvolgerà le mamme e i loro figli anche in altre iniziative educative nelle varie fasi di crescita dei loro figli contribuendo ad avvicinare le giovani generazioni fin dalla nascita ai concetti di ambiente e sostenibilità. Ma non solo, l´azione avrà come obbiettivo primario la rinaturalizzazione di luoghi all´interno dell´area parco, attualmente degradati o comunque in cui sono presenti specie ed essenze arboree invasive piantumate in epoche precedenti all´istituzione dell´area protetta. Oppure aree da bonificare o dove a causa della senescenza degli attuali alberi o perché invase da parassitosi si ritiene necessario provvedere a irrobustire la copertura vegetale con specie autoctone. Alcune di queste aree prescelte riguardano le zone dell´ex campo rom, o ancora le aree di Mugoni e Tramariglio. ´Non si tratta di una replica di altre iniziative già codificate a livello nazionale come la festa dell´albero o altre analoghe campagne-spiega il direttore del Parco regionale di Porto Conte Mariano Mariani-ma di un operazione di fidelizzazione delle mamme e dei loro figli che diventano parte attiva di un processo partecipato di politiche di sostenibilità ambientale. Ma non solo si cercherà in tutte le fasi di crescita del bambino di fargli vivere il Parco e conoscere la natura con iniziative periodiche mirate. Vivere il Parco significa veramente non solo godere della natura e dei suoi luoghi ma partecipare e concorrere alla sua conservazione prendendo coscienza anche delle criticità e delle minacce che di volta in volta ne minano l´integrità´. Il progetto ´Per piantare un albero ci vuole un bimbo´ verrà presto pubblicizzato nei reparti di ginecologia degli ospedali di Alghero e hinterland con tutti i dettagli per aderire all´iniziativa. A battezzare l´avvio del progetto è stata la neo mamma Laura Mannoni di Sassari che proprio oggi (giovedì 1 dicembre) insieme la babbo Massimo Cossu e naturalmente al piccolo Zeno hanno messo a dimora un giovane leccio in un area di Tramariglio da ´rinaturalizzare´. Grande emozione per mamma Laura che sarà la prima a seguire insieme al proprio figlio Zeno tutte le fasi di crescita dell´albero.



Download

Nessun file scaricabile per questo articolo.

Videoclip

Nessun video disponibile per questo articolo.

Maggiori info su

C.E.A.M.A.T.

Bandiera Unione Europea Stemma della Regione Autonoma della Sardegna Stemma della Città di Alghero Logo Ministero dell'Ambiente Logo Federparchi
EMAS