Calich, un bene da salvare

Rassegna stampa | La Nuova Sardegna | 20 dicembre 2009

Nello stagno si riversano troppi inquinanti

L´allarme è stato lanciato in un convegno scientifico organizzato dall´ente parco «Le sue potenzialità di recupero non possono essere eterne».

Una mano dal nuovo depuratore


ALGHERO. Lo stagno del Calich è una straordinaria risorsa ambientale ma merita cure e attenzioni per evitare che si trasformi in una gigantesca pozzanghera alla periferia della città. Lo sostiene la dirigenza del Parco di Porto Conte e soprattutto la comunità scientifica.


L´argomento è stato affrontato nel corso di una conferenza organizzata dall´Ente Parco per illustrare gli studi scientifici eseguiti dal Dipartimento di scienze botaniche ecologiche e geologiche dell´Università degli Studi di Sassari. Un biomonitoraggio commissionato dal presidente Antonello Usai con lo scopo di scattare una fotografia sullo stato di conservazione della laguna. L´analisi, eseguita dall´equipe universitaria del professor Nicola Sechi, ha messo in evidenza luci e ombre ma ha anche lo straordinario potenziale di recupero di un sistema che, se attentamente monitorato e salvaguardato, può rappresentare un modello di corretta gestione dei sistemi umidi. quoteA oggi esiste un rischio oggettivo di carico antropico in termini di apporti di nutrienti - ha evidenziato Nicola Sechi - ma fino ad ora il sistema lagunare è stato in grado di tollerarlo. Il fantasma eutrofizzazione delle acque è comunque sempre dietro l´angolo, trattandosi di ecosistemi fragili. Occorre evitare che dal bacino imbrifero e quindi dagli affluenti giungano apporti fluviali carichi di fosforo e azoto tali da creare preoccupanti bloom algali o ancora carichi di acqua dolce da addolcire eccessivamente lo stagno. Un rischio dunque potrebbe essere rappresentato dagli apporti dei depuratori che versano i reflui depurati sugli affluenti del Calich». Una preoccupazione destinata a scomparire secondo quanto sostenuto dall´assessore all´Ecologia, Antonio Adamo. «Il depuratore di San Marco - ha detto - non riverserà neanche una goccia d´acqua negli affluenti del Calich, ma l´intero carico depurato secondo i più rigidi e avanzati sistemi di filtrazione sarà destinato all´irrigazione/quote. Notizia accolta con soddisfazione dal presidente Antonello Usai e dallo stesso professor Sechi, che però ha ricordato che vanno eliminati gli altri scarichi che insistono sul Calich. Il presidente del Parco, Usai, ha infine annunciato che nell´ambito di uno specifica misura del progetto Retraparc finanziato con fondi comunitari e che mette a sistema i Parchi del nord Sardegna e Corsica, Porto Conte sarà il capofila di un azione volta alla costituzione di un modello di gestione corretta dei sistemi lagunari. (Gianni Olandi)



Download

pdfArticolo del 20 Dicembre 2009


Videoclip

Nessun video disponibile per questo articolo.

Maggiori info su

La Natura e il Territorio

Bandiera Unione Europea Stemma della Regione Autonoma della Sardegna Stemma della Città di Alghero Logo Ministero dell'Ambiente Logo Federparchi
EMAS