Nuove risorse per Porto Conte

Rassegna stampa | L´Unione Sarda | 8 novembre 2011

Alghero. Saranno abbattute le barriere architettoniche e conclusi i lavori dell´orto botanico. Dalla Regione 150 mila euro per il Centro di educazione ambientale.

Oltre 150 mila euro di finanziamenti per il parco regionale di Porto Conte. I contributi della Regione serviranno per sistemare il carnaio di Punta Cristallo, potenziare il Centro di educazione ambientale, portare a termine il giardino botanico e produrre materiale informativo sulle biodiversità presenti nel sito di interesse comunitario.
Sono questi alcuni dei diversi contenuti delle schede di azione sponsorizzate dalla Regione Sardegna nell´ambito del piano di gestione del sito di interesse comunitario ´Capo Caccia (con le isole Foradada e Piana) e Punta Giglio´, area gestita dall´amministrazione comunale di Alghero.
I progetti sono stati illustrati ieri mattina dal presidente e dal direttore del parco, Francesco Sasso e Vittorio Gazale, alla presenza dell´assessore comunale all´Ecologia e all´Ambiente Gianni Martinelli.
La prima scheda di azione (35 mila euro) riguarda la colonia di avvoltoi-grifone. I vertici dell´azienda speciale hanno intenzione di mettere in sicurezza il carnaio di Punta Cristallo e di stipulare accordi con allevatori e mattatoi per il reperimento di carcasse da destinare all´alimentazione della specie ormai a rischio di estinzione.
Per rendere accessibile a tutti il Centro di educazione ambientale, invece, i responsabili del parco hanno deciso di abbattere le barriere architettoniche, un´idea balenata da tempo, senza però riuscire finora a realizzarla, e di adeguare la struttura con accorgimenti legati al risparmio idrico, energetico e l´utilizzo di energie alternative (90 mila euro).
Infine il progetto per divulgare le biodiversità dell´area Sic. Sarà a breve pubblicato un volume a carattere scientifico sulle emergenze ambientali di particolare pregio presenti nell´area sottoposta a tutela (il costo previsto è di 30 mila euro).
Insomma, una importante boccata d´ossigeno per il Parco che potrà migliorare ulteriormente le proprie capacità di gestire i servizi e adeguarli alle sempre più esigenti richieste dell´utenza. Che, occorre sottolinearlo, finora ha dimostrato di apprezzare il lavoro e gli sforzi dell´intera équipe di operatori insieme alla loro professionalità .

(C. Fi.)



Download

pdfArticolo del 8 Novembre 2011


Videoclip

Nessun video disponibile per questo articolo.

Maggiori info su

C.E.A.M.A.T.
L'Ente Parco

Bandiera Unione Europea Stemma della Regione Autonoma della Sardegna Stemma della Città di Alghero Logo Ministero dell'Ambiente Logo Federparchi
EMAS