Il Parco di Porto Conte svela le sue carte per il 2013. Presentata offerta di fruizione e nuovi servizi

News | 21 febbraio 2013

un_momento_dellincontro_con_gli_operatori_turistici(1)Il Parco naturale regionale di Porto Conte svela le sue carte per il 2013. Incontro con gli operatori turistici questa mattina a Casa Gioiosa per illustrare l´offerta dei servizi ai visitatori, illustrare i dettagli della nascita del polo museale nella sede di Tramariglio e la riqualificazione di numerose infrastrutture a supporto dell´utenza che fruisce del Parco.

Il Parco di Porto Conte si apre ai suoi visitatori, ma soprattutto alla comunità produttiva del territorio con particolare riferimento a quella della Riviera del Corallo per farsi conoscere meglio e per farsi ´vendere´ turisticamente. Questa mattina (venerdì) si è svolto un incontro a Casa Gioiosa al quale sono stati invitati tutti gli operatori turistici sia albergatori, che agriturismi e ancora operatori turistici nel settore dei servizi, del trasporto e balneari per illustrare la nuova offerta sperimentale di fruizione del Parco per l´anno 2013. E´ stata l´occasione inoltre, per presentare il piano di infrastrutturazione che il Parco di Porto Conte negli ultimi anni ha progettato e che nel corso dell´anno, dopo aver ottenuto adeguati finanziamenti, vedrà la luce. Erano presenti in platea oltre ai numerosi operatori anche il presidente del Consorzio turistico Riviera del Corallo Stefano Visconti e il presidente di Confcommercio/Federalberghi Giorgio Maccioccu. Ad aprire l´incontro il presidente del Parco di Porto Conte Stefano Lubrano che, con orgoglio ha elogiato l´ottimo lavoro svolto fino ad oggi e illustrato il piano di interventi che vedranno la luce nel corso dell´anno. ´Oggi il Parco finalmente produce i frutti che tutti auspicavamo dall´epoca della sua nascita-ha riferito il presidente-sindaco- c´è voluto del tempo, ma sono orgoglioso di sostenere che nel 2013 riusciremo ad avere parte di quelle risposte che la comunità attende da tempo. Quelle risposte che si uniranno all´offerta culturale, enogastronomica e balneare della Riviera. Oggi forti del nostro scrigno di natura e ambiente incontaminato, proponiamo finalmente un offerta reale per goderne e per garantire reddito a coloro che con passione stanno costruendo attività imprenditoriali in questo segmento.´ A illustrare nel dettaglio le novità del Parco, il direttore di Casa Gioiosa Vittorio Gazale: ´Grazie ad un lavoro silenzioso e costruito con un forte orientamento verso la creazione di parnership e sinergia con istituzioni e privati, il Parco di Porto Conte si propone come motore di sviluppo per creare quell´offerta turistica e di richiamo alternativa o meglio complementare che la città attendeva. Ossia una fruizione organica e sostenibile del territorio protetto.´ altra_foto_durante_lillustrazione_del_pacchetto_escursioniAndando sul pratico dell´incontro, sul fronte infrastrutturale nascerà a Casa Gioiosa un vero proprio polo museale che si articolerà su due tematiche: una dedicata alla memoria storica della vita carceraria di Tramariglio sulla quale sono in corso lavori di catalogazione e recupero degli archivi storici, grazie ad un finanziamento regionale e il coinvolgimento di alcuni detenuti del carcere di San Sebastiano, con la collaborazione dell´Amministrazione penitenziaria e dell´Archivio di Stato. L´altra tematica riguarda invece, la paleontologia con la nascita di uno spazio museale apposito dove saranno raccolti tutti i resti fossili rinvenuti all´interno del Parco compresi i resti del progenitore dei dinosauri ritrovati a Cala Porticciolo in collaborazione con la Soprintendenza di Sassari. Ma non è finita, entro l´avvio della stagione balneare il Parco potrà contare su una rete di pannellistica informativa e prescrittiva che abbraccerà varie zone del Parco a partire da quella più vicina alla città cioè lo stagno del Calich fino alla spiaggia di Mugoni e Capo Caccia. Nascerà inoltre, un nuovo sentiero ad anello che abbraccerà Monte Palmavera, Monte Murone e Monte Des Daus. Un percorso vita infine, arricchirà l´offerta sportiva sulla pista ciclabile di Fertilia. Il Parco infine, si doterà di una foresteria con la ristrutturazione della vecchia abitazione del direttore del carcere, sempre a Tramariglio e ancora di un infopoint in un locale nella borgata di Fertilia, nella centrale via Pola. I locali di Casa Gioiosa ospiteranno poi anche un laboratorio per la smielatura, un emporio dei prodotti certificati dal marchio del Parco e attrezzature per il risparmio energetico. Verrà infine completato con una nuova aula verde lo spazio esterno fronte mare. Le proposte di fruizione: escursioni, eventi ed educazione ambientale sono stati presentati nel dettaglio dagli operatori del centro di educazione ambientale Ceamat per quanto attiene le proposte rivolte alle scuole e ai visitatori all´interno di Casa Gioiosa. Mentre per quanto riguarda la fruizione in ambiente naturale l´illustrazione del pacchetto offerte è stato presentato dalle guide esclusive del Parco di Porto Conte e dell´Ente Foreste della Sardegna della cooperativa "Exploralghero" nata lo scorso anno e attiva sul territorio dall´estate 2012. Il Parco di Porto Conte inoltre, con il supporto del gruppo di guide di Exploralghero sarà inoltre presente alla Bitas in programma a Bosa a metà marzo. " Si tratta di un primo approccio con gli operatori del territorio-spiega il presidente del Parco Stefano Lubrano- nel tentativo di fare rete anche nella pubblicizzazione dell´offerta ambientale che di per se costituisce uno dei cardini dell´offerta turistica della Riviera del Corallo. E´ importante infatti che la componente imprenditoriale che lavora con i turisti sia a conoscenza di ciò che si può fare nel Parco, cosa si può vedere, conoscere e apprezzare. Il nostro territorio è ricco di potenzialità che stiamo tentando di far fiorire affinchè possano creare sviluppo e reddito."



Bandiera Unione Europea Stemma della Regione Autonoma della Sardegna Stemma della Città di Alghero Logo Ministero dell'Ambiente Logo Federparchi
EMAS