Home page » La natura e il territorio » Torre del Bollo




La natura e il territorio

Torre del Bollo

Il sito

Partendo da Cala Dragunara raggiungibile anche in auto percorrendo la strada provinciale 55 direzione Capo Caccia, si percorre un breve sentiero in terra battuta fino raggiungere la Torre del Bollo, una torre di avvistamento costruita durante il periodo di dominazione spagnola. Da questo punto è possibile apprezzare un suggestivo panorama di tutta la baia di Porto Conte, tra profumi di macchia mediterranea e della salsedine marina

I valori

Nella seconda metà del 500, la Sardegna divenuta "frontera de barberia", è esposta ad attacchi e razzie barbaresche. Fu così che a partire dalla fine del 500, la Corona di Spagna mise a punto un piano di difesa costiera, una cinta di torri di avvistamento e difesa. Dislocate strategicamente a vista tra loro per consentire un sistema di avvistamento e segnalazione. Torre del Bollo è una "torrezillas", di forma cilindrica, è tra le torri più piccole e si erge su una collina, fungeva per lo più da torre di avvistamento. La particolare semplicità del percorso consente al visitatore di concentrarsi pienamente sugli aspetti paesaggistici e naturalistici del sentiero: è possibile ammirare una caratteristica macchia mediterranea alta a ginepro intervallata da zone caratterizzate da cisti, profumatissimo rosmarino, grandi euforbie cespugliose, euforbie arborescenti ed altre particolarità come il garofanino selvatico, la ginestra della Corsica e la scilla marittima.


Torre del Bollo

Bandiera Unione Europea Stemma della Regione Autonoma della Sardegna Stemma della Città di Alghero Logo Ministero dell'Ambiente Logo Federparchi
EMAS